CUCINA, QUALCHE DRITTA PRIMA DI ACQUISTARLA

In primo piano

Acquistare una cucina non è mai semplice soprattutto se i venditori si mettono a parlare in “mobilese” con termini tecnici che sembrano nati apposta per confondere le idee. 🤔 E allora cerchiamo di fare un po’ di chiarezza con qualche indicazione semplice semplice...

In questo articolo cerchiamo di concentrarsi sulle TRE cose fondamentali in una cucina: 👇🏽

  • La STRUTTURA e cioè lo scheletro della cucina, quella che sorregge tutto e quindi si parla di fianchi e schienali … quello che noi chiamiamo “cassone”
  • Le ANTE e quindi i frontali che caratterizzano lo “stile” della cucina e che possono essere laccate, nobilitate, monoblocco, ecc.
  • Il TOP ossia il piano di lavoro. Di top ce ne sono molti e la scelta si basa oltre che sull’estetica anche sul tipo di utilizzo.

Partiamo… “bando alle ciance”

LA STRUTTURA

✔️ La prima cosa da sapere è che le cucine, soprattutto le moderne, non sono realizzate interamente in legno verocome può capitare nelle cucine tradizionali o classiche ma onestamente oggi è molto difficile anche per queste perchè verrebbero a costare molto! Le strutture più diffuse sono quelle a “base di legno e/o nobilitate” .

🔹 Requisito fondamentale per la struttura? Devono essere materiali solidi e resistenti 🔨 Vediamo quali sono:

  • TRUCIOLARE chiamato anche “pannello in particelle di legno” o “pannello in legno agglomerato”.Il truciolare è un pannello realizzato con i trucioli cioè gli scarti del della lavorazione del legno incollate con delle colle ureiche e poi rivestito (“nobilitato”) con carta melaminica che può essere di colore bianco o grigio, effetto tessuto oppure riprodurre il legno.
  • MULTISTRATO detto anche “stratificato” è composto dalla sovrapposizione di sottili fogli di legno incollati fra loro. Le fibre vengono poste in senso alternato – per compensare eventuali deformazioni dei fogli di legno – e sempre in numero dispari (3,5,7). Se gli strati sono 3 viene chiamato anche compensato. Anche il multistrato viene rivestito o nobilitato con carta melaminica o fogli di laminato Hpl.
  • MDFmedium density fibreboard” che significa pannello di fibra a media densità. Questo pannello di legno composto da fibre di legno unite con un’apposita resina e pressato con diversa intensità. Ha la caratteristica di essere molto resistente e compatto e può essere lavorato come fosse legno massello. Utilizzato per le laccature e per i rivestimenti con carte melaniche, essenze o laminati.
  • LEGNO MASSELLO o massiccio è legno al 100% ricavato dal centro dell’albero. Di pregio e molto costoso.

LE ANTE

✔️ Le ante sono quelle che definiscono lo stile della vostra cucina. Le ante possono essere laccate, nobilitate, monoblocco (HPL) o vetro.

🔹 Requisito fondamentale per le ante? Resistenza all’acqua, soprattutto nella zona lavaggio, altrimenti si gonfia e resistenza al calore perché potrebbe scollarsi. 💦🔥 Vediamo le differenze delle varie finiture.

ANTE LACCATE che possono essere lucide o opache. Il pannello utilizzato è MDF perché è più duro e con una superficie più liscia. Non tutte le laccature sono uguali e la differenza sono gli strati di vernice applicata che possono arrivare fino a 7 nelle cucine di migliore qualità mentre in quelle più economiche i passaggi di vernice sono 1 o 2. Vediamo nel dettaglio:

ANTE LACCATE LUCIDE

  • LACCATURA DIRETTA è la più economica. Ante sono verniciate a spruzzo con vernice o smalti e poi lasciate essiccare fino all’indurimento della lacca.
  • LACCATURA SPAZZOLATA è la più usata. La vernice viene applicata in due strati, uno subito dopo l’altro per formare uno strato uniforme e ad alto spessore poi la vernice viene lasciata essiccare fino all’indurimento completo, dopo la superficie viene levigata con carte abrasive a grana fine per eliminare le imperfezioni e lucidata con spazzole di cotone e cere lucidanti.
  • LACCATURA A POLIESTERE è la più costosa. La vernice a poliestere rende le ante durissime, resistenti agli urti, omogenee e molto lisce. Per la laccatura a poliestere occorrono almeno 4 mani di vernice e relativi passaggi di lucidatura. La brillantezza si misura in gloss ed è ottima se è di 81 gloss. L’alternativa meno costosa e meno pregiata è la verniciatura poliuteranica, con questa si ottiene una laccatura a minore spessore.

ANTE LACCATE OPACHE E LACCATE A PORO APERTO:

  • LACCATURA OPACA. La vernice si applica a spruzzo in un solo passaggio e la superficie delle ante diventa uniforme e settosa al tatto. L’anta può essere completate liscia oppure leggermente bucciardata. Le vernici usate sono a base acquosa.
  • LACCATURA A PORO APERTO è sempre opaca di qualsiasi colore sia e sulla superficie dell’anta si vedono e si sentono al tatto le venature, i nodi e i pori del legno. Solitamente viene fatta su ante di rovere, frassino e castagno perché hanno delle venature molto evidenti che risaltano dopo la laccatura. Per questa laccatura viene steso un fondo trasparente sulla superficie dell’anta che viene poi carteggiata e dopo viene applicata la vernice opaca e lasciata essiccare.

ANTE RIVESTITE

✔️ Ante rivestite in melaminico, laminato melaminico, laminato polimerico o impiallacciato sono ante in truciolare rivestite da strato decorativo o nobilitato. Il rivestimento o “placcatura” possono essere di varie tipologie:

ANTE RIVESTITE IN VETRO sono di due tipologie:

  • Di migliore qualità sono quelle con il telaio di alluminio su cui viene montato un pannello in vetro temperato che può essere retro-laccato o sabbiato. Il telaio in alluminio può essere anche laccato dello stesso colore dell’anta oppure lasciato color alluminio.
  • Di minore qualità sono quelle in cui il vetro viene incollato su un pannello in truciolare che se non è idrofugo può gonfiarsi.

ANTE IN HPL o MONOBLOCCO

Le ante in HPL sono in laminato plastico ad alta pressione e di spessore elevato composte da molti fogli di carta. Non ha bisogno di nessun pannello in truciolare di supporto perché nascono come un pannello vero e proprio. ✦ Più costoso del normale laminato (laminato melaminico) ma di grande qualità e resistenza al calore e all’umidità.

I PIANI DI LAVORO o TOP

✔️ Una fra le scelte più difficili al momento dell’acquisto della cucina, ce ne sono una gamma vastissima ed ognuno con caratteristiche specifiche.

🔹Requisito fondamentale per la scelta? che siano scelti in base all’uso e alla funzionalità oltre che all’estetica. Anche perché sono tutti molto belli!

Ce ne sono davvero tanti dai tradizionali a quelli di ultima generazione. Ritorneremo sull’argomento con un’altro articolo ma adesso vediamo i più diffusi:

  • ACCIAIO INOX ha una superficie liscia e non porosa per cui massima igiene. Le vasche del lavello possono essere “saldate” quindi non si vedono interruzioni. Resistente alle temperature fino a 500 °C e si pulisce con grande facilità. la qualità dell’acciaio dipende dallo spessore della “foglia” di acciaio (almeno 1 mm) e dalla percentuale di ferro che deve essere bassa.
  • MARMO e GRANITO sono pietre naturali. Buona resistenza agli urti e abrasioni ma non alle macchie – pericolose sono quelle acide: aceto/limone ecc. – per questo è bene assicurarsi che siano trattati con impregnanti che otturano i pori. Per la pulizia utilizzare prodotti specifici, non aggressivi attenzione agli acidi. Si può macchiare
  • GRES PORCELLANATO è una ceramica per questo è molto resistente all’usura, alle macchie, agli acidi (aceto/limone..) e alle alte temperature. Si trova anche in lastre di grandi dimensioni (100×300 cm) e questo permette di fare piani senza giunzioni. Igienico e di facile pulizia.
  • LAMINATO HPL viene utilizzato sia per le ante che per i piani. HPL è un laminato a forte spessore, non poroso resistente alle macchie e agli acidi (aceto/limone…) Resistente al calore fino a 180°. Facile pulizia. ✦ Con il laminato HPL a forte spessore si possono utilizzate anche le vasche sotto-top, questo non è possibile con il “vecchio” laminato o con quello più economico.
  • FENIX è un laminato di nuova generazione. Composto da carta decorativa (oltre 60%) e resine termoindurenti. Superficie è opaca, omogenea, non porosa, anti-impronte e soffice al tatto. Si graffia ma può essere riparato se sottoposto al calore ad esempio del ferro da stiro.
  • QUARZO è agglomerato di polveri o graniglie di quarzo naturale (90%) e resine. Ottima resistenza al graffio e agli acidi (aceto/limone…), buona resistenza agli urti. Igienico. ✦ Se lucido ha un’ottima resistenza alle macchie mentre quelli opachi devono essere trattati con impregnati. Per quanto riguarda i quarzi ci sono varie aziende produttrici, le caratteristiche sono comuni.
  • PIETRE SINTETIZZATE. (ad es. Neolith o Lapitec). La pietra naturale viene polverizzata e sottoposta ad un trattamento termico di 1.200 °C saldandosi e diventano un unico materiale compatto. Naturali al 100%. ✦ Ottime caratteristiche di durezza, di resistenza alle alte temperature, di resistenza ai graffi, prodotti chimici e agli acidi (aceto/limone…). Igieniche e facili da pulire.
  • SOLID SURFACE … (come il Corian). Prodotti a base di cariche minerali, resine acriliche e pigmenti. ✦ Caratteristica: modellabili tramite il calore (termoformabili) è possibile avere il lavello totalmente integrata nel piano. Igienici ma con bassa resistenza al calore e scarsa durezza. I graffi sono facilmente riparabili.

Ecco qua! Queste sono, a grandi linee, le informazioni da sapere quando si sceglie la cucina. Naturalmente affidatevi sempre al vostro rivenditore e stabilite un rapporto di fiducia con il vostro arredatore e vedrete che farete sempre delle ottime scelte!

Speriamo come sempre di esservi state utili.. VENITE A TROVARCI!! 😀😃

Siamo animali sociali seguiteci su Facebook – Instagram e Pinterest https://www.facebook.com/internoventi.empoli/ https://www.instagram.com/internoventi_empoli/?hl=it https://www.pinterest.it/internoventi/pins/

Il Salone del Mobile e il Nostro alloggio a Milano #nontitemo

Milano #nontitemo Breve aggiornamento sul nostro alloggio!

Breve informazione di servizio a chi ci conosce e in questi anni ha riso con noi delle nostre disavventure…

Dopo:

  • Il residence dei “Ghiacci”… un freddo incredibile, Frozen al confronto una passeggiata.😣
  • La notte con gli “Ospiti” … stendiamo un velo pietoso, una notte da incubo.😳
  • L’albergo che non vedeva la luce e tanto meno il personale delle pulizie.
  • Il Garage… garage nel vero senso della parola!😮

Quest’anno è andata bene!

Grazie a tutti per i messaggi che ci avete mandato.. ma questa volta l’appartamento era molto carino e comodo.

Salone del Mobile 2017

La maratona Salone del Mobile è sempre bella e ne vale sempre la pena. Piedi doloranti a parte!

Le nostre impressioni sono positive e le riassumiamo così:

Legno e Colore!

Legno, legno, legno…

Diciamo che novità assolute non ce ne sono, nessuno per adesso ha inventato nulla di nuovo, ma quest’anno più che mai abbiamo avvertito il bisogno di un ritorno alla natura.

Sparito il lucido, adios… e Legno, legno, legno!

I legni in tutte le sue essenze, legni chiari o legni scuri l’importante è che sia legno o effetto legno nel caso di mobili in laminato. Da dire che ci sono dei laminati che riproducono il legno e che ti mettono a dura prova da quanto sono perfetti.

Quindi che legno sia! Siamo nel bene o nel male (in questo caso nel bene) influenzati da quello che ci circonda ed in questo momento c’è un forte avvicinamento al tutto ciò che è biologico e naturale. Siamo sempre alla ricerca di prodotti a km-zero, ci sforziamo sempre di “magiare sano”, passare più tempo possibile nella “natura”…  Volevi che tutto questo non influenzasse anche il design? Impossibile!

La casa è il luogo dove rifugiarsi ed è il luogo che rispecchia tutte le personalità che la abitano, bella sfida mettere insieme più teste per condividere un unico luogo. Sarà per questo che il segno di questo Salone è stato uno STOP alle case tutte uguali e con gli stessi arredamenti… in una parola PERSONALITÀ!

Colore, colore, colore!

Più forte e prepotente che mai è stata la presenza del colore e finalmente, diciamo noi!

Basta con le case completamente bianche, basta con la paura di sbagliare!

Il Bianco è un bellissimo colore spesso usato per giustificare un bisogno di  “pulizia e semplicità” ma nasconde anche un: “nell’incertezza, facciamolo bianco!” OK! ma buttatevi, buttiamoci!

Tranquilli, il bianco è un classico e ci sarà sempre ma il “nuovo bianco” sono i colori morbidi, caldi e accoglienti.

Il colore e le sue sfumature che non restano sfumature ma diventano colore vero e proprio, non restano al margine non fanno da contorno ma si impongono.

Il colore si impone nelle laccature dei mobili, nei tessuti, nei rivestimenti.

Molto belle le tonalità dei blu, dall’avio al petrolio e così via… fino ad arrivare al verde nella gradazione del salvia o dell’oliva.

I rossi decisi nelle tonalità più scure del bordeaux e dell’amaranto che si impongono e ci avvolgono.

Il colore ocra nella sua tonalità carica, che rende l’ambiente caldo e accogliente.

Grande ritorno dell’arancio ma non nelle gradazioni brillanti del carota, dell’arancione o della zucca ma nelle gradazioni più scure ed eleganti del ruggine, del mattone o dell’arancione bruciato.

Colori caldi e freddi che si sposano perfettamente con le gradazioni e le essenze dei legni.

Questo è in breve quello che ha trasmesso a noi il Salone, voi fateci sapere la vostra!

Ciao, Nora e Silvana