L’angolo studio…

In primo piano

Genitori, siete pronti per un nuovo anno scolastico? … 👩🏻‍🎓👨🏼‍🎓Siiiii!!!

📚 Libri, quaderni, matite, zaini? Tutto pronto? E l’angolo studio?Oh! NO!! 😩😩

Durante la progettazione di una cameretta, grande o piccola che sia, molto spesso viene lasciato in sospeso l’angolo studio, soprattuto se i bambini sono ancora piccoli.

Succede poi, che questi piccolini una sera se ne vanno a letto con il pupazzetto di peluche e si risvegliano la mattina con lo zaino in spalla! E adesso? Vabbè, faranno i compiti sul tavolo della cucina. OK! alle elementari poi nostri “bambini” improvvisamente vogliono la loro indipendenza e i loro spazi e allora come facciamo?

Noi per esperienza cerchiamo sempre di inserire e ricavare un angolo studio in camera perché, si sa, i bambini crescono e passato il periodo dei compiti in cucina arriva, per tutti, quello dei compiti in camera chiusi sprangati e con il divieto di accesso ⛔️ ai genitori.

Quindi è bene pensarci prima e prevedere questa possibilità per un futuro più immediato di quello che si pensa. 🤔 

👉🏻 Quali sono gli elementi essenziali per la zona studio?

  • Scrivania
  • Libreria
  • Sedia
  • Lampada

✔️ La scrivania, grande e piccola che sia, deve essere prima di tutto “comoda” consideriamo che i ragazzi ci passano molto tempo (anche se non studiano!) e quindi deve essere della larghezza e dell’altezza giusta in modo che la postura sia corretta. L’altezza del piano della scrivania può variare dai 72/75 cm da terra e deve avere un profondità tale da consentire un posizione corretta per le gambe, troppo stretta non va bene! 🤓

Le soluzioni per le scrivanie sono infinite, dalle classiche scrivanie a quelle sospese a muro non avendo sotto l’ingombro delle gambe lasciano più libertà oppure quelle che vengono inglobate in un ripiano della libreria o dell’armadio. In caso di spazio ridotto, si possono prevedere  delle scrivanie a ribalta che raddoppiandosi diventano spaziose… compiti con gli amici o ricerche di classe in grande comodità!

✔️ Anche la sedia è importante. Per un uso comodo deve essere inferiore di almeno 30 cm dal piano della scrivania, se regolabile in altezza è il top! Una seduta e uno schienale imbottito riservano un comfort maggiore! ✔️ Per la libreria ci sono soluzioni per tutti i gusti e per tutte le esigenze. Dalla classica libreria spalla a terra a quelle sospese a parete che lasciano lo spazio sotto per inserire la scrivania oppure quelle che sfruttano il fianco dell’armadio. Il nostro consiglio è quello di inserire degli scomparti chiusi per riporre oggetti, fogli o quaderni.

✔️ L’illuminazione è importante. I compiti, di solito, vengono svolti nelle ore più buie della giornata e la lampada è importante per avere la scrivania ben illuminata. Ottime sono quelle che hanno la possibilità di regolare l’intensità della luce. Si possono scegliere da scrivania o parete.

E poi via libera con tutti gli accessori che più ci piacciono… lavagne a muro, tasche porta oggetti, griglie e cosi via…

Siete pronti adesso? … In poche mosse l’angolo studio è pronto!

Buona scuola… in bocca al lupo! da Nora e Silvana 💪🏻


https://www.facebook.com/internoventi.empoli/










Guida in Cucina – Parte 3. Premessa sulla Disposizione della Cucina.

Questa è una piccola premessa prima di parlare delle varie disposizioni della cucina.

Quindi, ancor prima di scegliere ante e top, di decidere il lavello, il piano cottura o se mettere il frigo da libera installazione o da incasso è necessario parlare della disposizione della cucina.

Questa è la parte più importante nella progettazione.

Una volta studiata la disposizione giusta in base alle vostre necessità, bisogni ed anche alle vostre richieste (che cercheremo di accontentare in ogni modo possibile e se non è possibile vi spiegheremo il perché) il resto è una passeggiata… 😉

1️⃣ La prima regola da tenere bene a mente per il progetto di una cucina, grande o piccola che sia, è sempre la stessa e cioè la DIVISIONE in ZONE.‼

  • Zona conservazione: dispensa e frigo
  • Zona lavaggio: lavello e lavastoviglie
  • Zona cottura

Questa regola vale sempre, indipendentemente dalle misure della stanza o dallo spazio che avete intenzione di dedicargli.

La progettazione migliore è sempre quella che asseconda le vostre necessità e della vostra famiglia e che rispetta i principi di ergonomia e funzionalità per poter lavorare in cucina in modo comodo e confortevole.

Detto questo…

le principali disposizioni sono:
  • Dritta o Lineare. La cucina è disposta su una parete lineare.
  • Ad Angolo o a L. La cucina è disposta su due pareti perpendicolari.
  • A U. La cucina è disposta su tre pareti che formano una U.
  • A Corridoio.  La cucina è disposta su due pareti parallele.
  • Con Isola. La cucina ha un blocco centrale libero su quattro lati.
  • Con Penisola. La cucina ha un blocco penisola libero su tre lati.

Queste sono le disposizioni che si possono realizzare in cucina e come ben sappiamo tutto è giocato sullo spazio e sull’ambiente.

La cucina deve essere comoda e quindi occorre posizionare in maniera giusta gli elettrodomestici e le “stazioni di lavoro” in modo da creare un triangolo di lavoro ottimale! 😉

Con la breve premessa abbiamo finito… nel prossimo articolo parleremo della cucina Lineare o Dritta.

Vi aspettiamo!

Nora e Silvana

Intanto per rinfrescarsi un po’ la memoria… ⬇

Guida in Cucina – Parte 2. Funzionalità ed Ergonomia