Guida in Cucina – Parte 2. Funzionalità ed Ergonomia

Funzionalità & Ergonomia… in poche parole!

La cucina, lo abbiamo detto 1000 e più volte, è il cuore e l’anima della casa ed è il luogo dove passiamo la maggior parte del tempo, dove ci riuniamo con la famiglia e gli amici..

Tutto vero! Ma è vero anche che la cucina è il luogo dove si lavora! 

Per questo ci sono delle regole da rispettare perché l’uso sia comodo e confortevole.

Per funzionalità intendiamo la comodità al momento dell’uso.
La funzionalità va a braccetto con l’ergonomia.

“Ergonomia: scienza che si occupa di analizzare il corpo umano in relazione agli oggetti che utilizza e gli ambienti dove vive e lavora al fine di ottimizzare i movimenti ed evitare posture innaturali per la persona.”Definizione da vocabolario o quasi…

In parole più semplici, una cucina deve essere progettata in modo da potersi muovere e lavorare liberamente.

Occorre una buona disposizione degli spazi e delle varie zone per evitare di fare i “chilometri” perché in cucina si fanno!

Riflettete un attimo su quante volte vi spostate dal punto dove state preparando il pasto per andare al frigo, alla dispensa, al forno o al piano cottura… saranno anche pochi passi ma ripetuti infinite volte qua e là, su e giù

📌 La prima regola: Divisione delle zone di Lavoro e ossia cercare di avvicinare o unire le zone operative. Per un buon uso dovrebbero essere organizzate in base alle operazioni che vi si svolgono e quindi:

  • Zona Conservazione: Dispensa e Frigo
  • Zona Lavaggio: Lavello e Lavastoviglie
  • Zona Cottura

L’ideale sarebbe avere piani di appoggio fra le varie zone!

Ma non è finita qui, ci sono altre regole e accorgimenti da considerare al momento della progettazione.

Spieghiamoci meglio

📌 Altezza del piano di lavoro

Importante! per poter lavorare mantenendo una posizione comoda non deve essere né troppo alta né troppo bassa. L’altezza delle cucine solitamente è standard ed è circa 90,00 cm da terra al piano di lavoro. Abbiamo tutti altezza di verse ma questa è la più congeniale per ognuno di noi.

L’altezza della base di una cucina varia da 72,00 a 75,00 cm circa, lo zoccolo ha un’altezza che varia da 10,00/12,00/15,00 cm, aggiungendo lo spessore del top… la misura è fatta!

Si! ci sono anche cucine che hanno lo zoccolo più basso di 10,00 cm ma in questo caso l’altezza della base è più alta e così torniamo ai circa 90,00 cm che dicevamo prima.

📌 Profondità del piano di lavoro.

In genere il piano di lavoro è prof. 60,00 cm circa, se riusciamo ad averlo più profondo ancora meglio! Comunque i 60,00 cm sono quelli necessari per l’incasso del lavello e del piano cottura, altrimenti non entrerebbero per profondità.

Un’altro motivo è che con un piano di lavoro poco profondo ci troveremo a lavorare con il volto troppo vicino ai pensili o alla cappa e questo non è corretto, si corre il rischio di sbattere la testa nei pensili.

📌 Posizione dei pensili e apertura delle ante.

Solitamente la misura fra piano di lavoro e pensile è circa 50,00/55,00 cm. Ma si possono posizionare in base alle esigenze di chi li usa, è importante che ci sia un buon accesso al primo ripiano per un utilizzo agevole.

L’altezza dei pensili è vincolata alla cappa di aspirazione nel caso questa si incassata nel pensile. In questo caso deve essere posizionata ad un’altezza che non sia inferiore a 50,00 cm per le normative di sicurezza.

Per quanto riguarda le aperture delle ante, l’ideale sarebbe tenerle aperte durante la preparazione dei cibi e possono essere di varie tipologie:

  • Ante Battenti sono le più comuni e vengono utilizzate soprattutto in caso di pensili alti. Possono essere un po’ scomode perché da aperte “intralciano il traffico” e sono “un apri e chiudi continuo”.
  • Vasistas o ribalta sono molto comode perché possono rimanere aperte senza intralciare i movimenti e sono sempre accessibili.
  • Scorrevole non ingombrano il campo però una parte del pensile rimane sempre nascosta da un’anta, come accade per le ante dell’armadio scorrevole!

📌 Zoccoli e piedini.

Gli zoccoli e i piedini sono arretrati rispetto alla base per avere la possibilità di avvicinarsi e lavorare comodamente. Quello scalino è il “posto per i piedi”.

📌 Attrezzatura interna delle basi.

Qui ci vuole e ci sarà un capitolo a parte!

L’attrezzatura interna delle basi sono tutti gli accessori che ci agevolano e ci facilitano l’uso della cucina e ce ne sono una marea… veramente tanti da rendere una cucina funzionale e bella da vivere ed usare, ma ne parleremo in maniera approfondita in un altro articolo.

Per adesso accenniamo brevemente alla differenza fra basi con le ante e basi con cassetti e cestelli. Per dirlo in due parole, le basi con il ripiano intermedio sono più scomode perché per prendere gli oggetti occorre chinarsi e la visuale è ridotta perché alcune cose vengono stipate dietro ad altre. Con i cassetti e cestelli tutto è più comodo e a portata di mano, la visuale dall’alto è più ampia e non occorre chinarsi. Detto proprio in parole “povere”!

📌 Basi o Colonne ad angolo.

Croce e delizia. Delizia perché sono comode e ci offrono la possibilità di sfruttare spazi che altrimenti sarebbero inutilizzati. Croce perché se non adeguatamente attrezzate si sfruttano male e gli oggetti dentro riposti cadono nel dimenticatoio.

Dove c’è la possibilità, perché non sempre è possibile, è bene inserire cestelli girevoli, carrelli estraibili, le mans e magic corner che sono tutta una serie di fantastici accessori che ci permettono di prendere comodamente quello che abbiamo stipato nel mobile senza far capriole o immersioni con la pila sulla testa per vedere cosa c’è dentro.

Con queste attrezzature anche la base angolo diventa sfruttabile come le altre e molto funzionale.

📌 Colonne.

Le colonne in cucina sono comode perché ci permettono di contenere e tenere in ordine la dispensa alimentare, pentolate e tutto quello che occorre. Meglio ancora se dotate di attrezzatura interna che ne rendono agevole l’utilizzo come i carrelli estraibili che ti danno la visuale completa e un facile accesso a tutto quello che abbiamo dentro.

La colonna forno, chi non la desidera?

Il forno alto è ergonomico e molto comodo perché permette l’uso senza doversi chinare e poi non è alla portata dei bambini. L’altezza corretta è più o meno quella del piano di lavoro per avere una visuale comoda e un comodo uso.

Questi sono gli accorgimenti di base per far si che la vostra cucina sia funzionale ed ergonomica! Naturalmente ci sono molti aspetti da valutare ma ne parleremo nel prossimo articolo!

Speriamo di esservi state un po’ di aiuto… Noi come sempre, vi aspettiamo in negozio!

A presto, Nora e Silvana

➡️ Prossimo articolo: Guida in Cucina – Parte 3. Disposizione. La cucina Dritta.

Articolo precedente ⬇️⬇️

Guida in Cucina – Parte 1. Le Misure e gli Impianti elettrico ed idraulico

 

 

 

Guida in Cucina – Parte 1. Le Misure e gli Impianti elettrico ed idraulico

“L’idea è quella di esservi d’aiuto!”

L’articolo è un po’ lungo ma vale la pena leggerlo!

Premessa

Quando acquistiamo casa, il pensiero ed il cuore “volano” direttamente in cucina. Siamo tutti un po’ MasterChef o no?
Lì iniziano i sogni, dopo un po’ la confusione ed infine gli “incubi”.
E poi dove li mettiamo i vari “io farei”, “io metterei” e i “se fosse mia…” di parenti e amici? Che si sa, sono tutti architetti!
Alla fine talmente tanti consigli che la confusione raggiunge livelli stratosferici… Calma!!! Calma!!
Per progettare una cucina ci vuole Calma…. In realtà per progettare tutto l’arredamento ci vuole calma e pazienza, altrimenti sai che arrosti! (e non nel fantastico forno che abbiamo appena acquistato)
Cerchiamo di rendervi le cose un po’ più chiare e di far volare i vostri sogni ma riportandovi ogni tanto con i piedi per terra. “Ragazzi, in un cucina di 3 metri x 2, l’isola centrale attrezzata non ci entra!!!” fatevene una ragione!!

#Prima Regola: Le misure e lo studio dello spazio

M Come misure, metri, metri quadri e centimetri.

Si sa, la cucina ce la giochiamo sul filo del centimetro. Il trucco di una buona riuscita è tutto lì!

Le misure… Dipende tutto da questo.

Spesso spaziamo con la fantasia ma quello che ci riporta subito alla realtà sono le misure e i mq.
Possiamo aver visto su un giornale una cucina bellissima con piani d’appoggio come se non ci fosse un domani, elettrodomestici in quantità industriale, frigoriferi talmente grandi da far impallidire anche gli americani, piani cottura con 10 fuochi e poi? Le maledette misure ci fregano!
Ma come abbiamo già detto “Calma e sangue freddo” c’è una soluzione ad ogni problema!

  • Per prima cosa serve la pianta o la planimetria della casa o della cucina oppure armarsi di metro e penna e provare a prendere delle misure delle pareti della stanza.
  • Se non avete la pianta cercate di riprodurla alla meglio, l’importante sono le misure non che le righe siano dritte.

Non occorre che siamo precise al millimetro a quello poi ci penserà il progettista o il rivenditore (se sono persone serie).

Mi raccomando!! Non fate fotocopie delle planimetrie ingrandite!! perché altrimenti per rilevare le misure in scala diventa complicato quasi quanto il teorema di Pitagora!

Detto questo, prendete carta, penna e metro e cominciate a misurare.

  1. Misurare le pareti.. e questa era facile!
  2. Porte e Finestre? misuratele e segnatele
  3. Pilastri o colonne? prendete la misura anche di quelli.
  4. Nicchie o rientranze nelle pareti? misurate anche di quelle
  5. Caldaie e radiatori? Idem
  6. Scarico dell’acqua? …. Importantissimo!! Segnatelo!
  7. Fuoriuscita Gas? … anche!

e così via… farete un figurone!

misure-senza-planimetria

Quando non avete la pianta della casa e dovete prendere le misure.

pianta o planimetria della casa con le misure prese da voi!

Ah! possono esserci dei fuori squadra, quelli lasciateli perdere, ci penserà il progettista a prenderseli!

Con queste misure ed indicazioni  è possibile iniziare a progettare e proporre delle soluzioni studiate sulle vostre esigenze e necessità!

Noi lavoriamo così:

  • Progettiamo e disegniamo ricavando le misure dalla pianta o dalle misure che il cliente ci comunica oppure andiamo a casa del cliente facciamo il rilievo e poi facciamo il progetto. 
  • Spesso i clienti ci portano anche delle foto e quello è il top!

#Seconda Regola: Gli Impianti elettrico ed idraulico.

Un’altra cosa da tenere ben presente sono gli impianti elettrico ed idraulico.

Domanda: sono già posizionati, è possibile spostarli oppure se sono da fare? … si, no, forse!

Nel caso non sia possibile intervenire ed è obbligo attenersi a questi, mi raccomando! segnateli e riportate le misure sul vostro “foglio delle misure”

A dire il vero c’è sempre la possibilità di cambiare un po’ le “carte in Tavola” e qualche trucchetto nella manica NOI lo teniamo sempre, ad es. piani più profondi ecc.

Ma queste sono tutte cose che vedremo in seguito!

Se poi avete possibilità di giocare “carta bianca” … e cioè scarichi ed impianti da realizzare o possibilità di spostamenti vari, siete a cavallo!

In questo caso il miglior consiglio (che può sembrare interessato ma vi assicuro che non lo è!!) È rivolgersi a qualcuno COME NOI e iniziare a progettare l’ambiente come più desiderate!

Se avete la possibilità di poter modificare o realizzare realizzare gli impianti ex novo siete avvantaggiati e chi meglio di chi mangia “pane e cucina” può ascoltarvi e consigliarvi?? …

Noi lavoriamo così:

  • Dopo aver trovato la giusta soluzione, forniamo gli schemi degli impianti elettrici ed idraulici da consegnare a muratori, elettricisti ed idraulici per eseguire gli impianti sulle basi della disposizione scelta.

Quindi, lo studio dello spazio per la disposizione della cucina è importante.

Se abbiamo a disposizione degli spazi ridotti oppure un angolo cottura, quando siamo in cucina che sia per una cena veloce o per il pranzo di natale la funzionalità è importante. È facile per una cucina enorme essere funzionale, ma per quelle piccole? Come la mettiamo? Ed è qui che entriamo in campo noi.

Per una buona progettazione è importante conoscere le esigenze del cliente, quello che desidera… in poche parole è importante ascoltare!

E’ solo ascoltandovi che riusciremo a realizzare una cucina su misura per voi, usiamo lo stesso termine della moda… “cucita addosso”.

A proposito, vorremmo fare chiarezza su un punto fondamentale, non vi fate ingannare quando sentite dire “mi hanno realizzato la cucina su misura da un falegname”…. Non lo hanno fatto solo a loro, le cucine sono tutte su misura!

Speriamo di esservi state di aiuto… Noi come sempre vi aspettiamo in negozio!

Ciao a presto, Nora e Silvana

Prossimo articolo: Guida in Cucina – Parte 2. Funzionalità ed Ergonomia… in poche parole!

 

 

 

Carta da Parati… Decisamente SI! … Ecco perché

Carta da Parati… SI! e vi spieghiamo il perché.

Noi siamo delle fans sfegatate della carta da parati e vi spieghiamo il perché!

Da qualche anno la carta da parati è tornata ad essere parte dell’arredamento delle nostre case, regalando nuova vita a pareti o spazi che risultavano “spenti” o difficili da arredare.

La carta da parati della nonna o della vecchia zia erano inguardabili ma le nuove carte da parati sono bellissime. Ci sono tantissime immagini che possono incontrare il gusto di ognuno di noi:

L’etnico che trova ispirazione dalla natura, i soggetti industriali che trasformano un piccolo angolo in un loft newyorkese, quelle che prendono spunto da scene di film di azione girate a tutta velocità. Le classiche che sono rivisitazioni di immagini e citazioni d’epoca, quelle che evocano atmosfere raffinate e retrò. Quelle Vintage a quelle Pop che si ispirano ad Andy Warhol. Alcune più delicate e romantiche, quelle di ispirazione giapponese e cosi via… ce ne sono tantissime!

Quindi, perché si alla carta da parati?
  • Varietà delle immagini. L’abbiamo visto, ce ne sono per tutti i gusti.
  • Nuovi materiali si adattano ad ogni tipo di ambiente anche in bagno e cucina.
  • Carta da parati Vinilica si applica con facilità, non si scolla e non fa la muffa
  • Carta da parati in Fibra di Vetro è adatta per ambienti umidi come il bagno perché idrorepellente. Può essere applicata anche nella parte interna della doccia.
  • Possibilità di progettazione e personalizzazione in base alle misure della parete.
  • Possibilità di intervento grafico sul disegno nel caso in cui ci siano elementi che possono coprire o interrompere il disegno ad es. porte, finestre o anche mobili.
  • Lavabile con acqua (basta una spugna bagnata) oppure detergente neutro.
  • Lunga resistenza. Disegno ed colori rimangono inalterati nel tempo.
  • Ignifuga
  • Non contengono sostanze inquinanti pericolose per la salute.

Questi ci sembrano ottimi motivi per pensare alla carta da parati…

Le domande più frequenti?

  1. C’è bisogno di un posatore? Noi consigliamo di si… se avete buona manualità potete farlo anche da soli, la carta viene fornita con la colla e lo sviluppo grafico per la posa.  Ma se imbiancate, un buon imbianchino quanto vi prende?
  2. Mi può stancare? Vero! ma un’imbiancatura particolare non può stancarti lo stesso? La carta sulla parete è come un quadro… può stancarvi un bel quadro? non credo.
  3. E’ un problema toglierla? No! non lo è, si toglie a secco.

Allora? Abbiamo soddisfatto le vostre curiosità e perplessità? Speriamo di si!

Ciao!!

Nora e Silvana

http://www.glamora.it/

http://www.londonart.it/

http://www.texturae.it/

Something is wrong.
Instagram token error.
Load More