7 mosse per appendere foto e quadri alle vostre pareti

7 mosse per appendere quadri e foto alle pareti. In poche mosse avrete una galleria personale in casa vostra.

Quadri e foto sono i nostri ricordi. Non è necessario avere quadri di valore o foto di grandi fotografi l’importante è che siano speciali per noi. Quindi UN GRANDE SI! ad appendere tutto quello che più vi piace: foto di famiglia, di viaggi, disegni dei bambini, quadri e stampe, tutto quello che vi fa stare bene e vi strappa un sorriso.

Non vi consiglieremo di scegliere i quadri o foto per soggetto oppure per tonalità di colore o ancora per stile di pittura. La scelta è la vostra!

Noi vi daremo solo qualche consiglio, il resto dipende da voi.

A voi anche la scelta delle cornici, tutte uguali o tutte diverse, colorate o in legno, stili diversi? Fate voi…

Una composizione di quadri con cornici tutte uguali per colore risulterà più elegante, allo stesso tempo una composizione con cornici in stili diversi sarà fantasiosa e creativa!

Detto ciò… ecco poche e semplici regole per appendere quadri e foto alle pareti di casa vostra.
Prima cosa l’altezza:

Evitiamo di appendere i quadri troppo in alto o troppo in basso. In linea di massima il centro del quadro dovrebbe essere all’altezza degli occhi indicativamente 160,00/170,00 cm da terra al centro.

Dietro al divano, considerate che chi è seduto non deve li deve coprire con la testa, quindi posizioniamo la cornice inferiore almeno a 40 cm dalla spalliera.

Sopra un mobile, consideriamo anche lì la stessa altezza che abbiamo suggerito prima, 160.00/170.00 cm da terra al centro del quadro. Se i quadri sono più di uno e decidiamo di posizionarli nella parete in altezza, lasciamo dal piano del mobile 30/40 cm.

Lasciate sempre qualche cm fra le cornici dei quadri, la composizione sarà più ordinata e composta.

Posizionamento sulle pareti

  • Cornice Immaginaria: immaginate o create con lo scotch di carta una cornice sulla parete della grandezza che ritenete opportuna e appendete i quadri all’interno di questa. Occhio agli angoli delle cornici! che siano allineati fra loro.
  • Posizionamento a croce: immaginate o create una croce sulla parete i quadri ruoteranno intorno ad essa. Anche in questo caso gli angoli della cornice che si trovano adiacenti all’incrocio della croce, gioco di parole a parte, devono essere allineati.
  • Quadro grande: se avete da posizionare un quadro grande è bene posizionarlo al centro e mettere gli altri più piccoli intorno. In questo modo sarà valorizzato il quadro e gli altri gli faranno da supporto!

  • Linea Orizzontale: questa di solito si usa quando la parete è occupata da un divano o da un mobile. Tracciate sempre una linea orizzontale,come fosse una mensola e allineateci la base delle cornici. Partite da questa linea verso l’alto per appendere i quadri.
  • Linea Verticale: questa linea invece si usa quanto si vuole occupare una porzione di parete verticale. Anche in questo caso tracciate una linea verticale e partite ad allineare la parte esterna delle cornici dalla linea e poi continua come ti suggerisce la fantasia.
E le scale? …

Nei film hanno sempre le foto per le scale e ci piacciono un sacco, diciamo la verità! Per questo ci sono 2 modi:

  • A soffitto: tracciate la “solita” linea immaginaria parallela al soffitto e poi appendete quadri e foto a discesa, verso il basso. Allineate le cornici nella parte superiore alla linea immaginaria.
  • A gradini: seguite l’andamento dei gradini. Mi raccomando, allineate bene le cornici nella parte inferiore e poi salite!

A questo punto armatevi di chiodi e martello e cominciate ad appendere i vostri ricordi…

Buon lavoro e occhio alle dita!

Nora e Silvana

Qui di seguito vi consigliamo un sito per stampare e sviluppare le vostre foto on line! … Avere in casa delle belle foto da appendere sarà facilissimo!

https://www.myphotobook.it/

A proposito di noi…

http://www.internoventiblog.com/

http://www.internoventiblog.com/i-nostri-servizi/

 

 

 

 

 

Top in Fenix… Wow!! Libertà in cucina

Top in Fenix… un materiale intelligente!

Ieri abbiamo montato un bellissimo top in Fenix e questo materiale relativamente giovane è davvero un materiale intelligente e furbo!!

In questo caso l’abbiamo usato per un top in cucina ma può avere altri usi come  le antine per la cucina, lavelli, tavoli, mobili da bagno ecc.

E’ veramente molto bello perché è super-opaco alla vista e “setoso” al tatto e ha delle caratteristiche fantastiche, che vale la pena elencare:

  • Anti impronta – non rimangono le impronte delle mani sulla superficie.
  • Opaco – anzi super-opaco
  • Resistente ai graffi e alle abrasioni – i graffi superficiali possono essere tolti con la spugnetta “magica” in dotazione.
  • Micro- graffi possono essere tolti con il calore di un ferro da stiro!
  • Igienico – la superficie opaca non attira la polvere ed ha proprietà antibatteriche. Ed è anche anti muffa! … ma cosa volete di più!
  • Facile da pulire – basta un panno morbido ed acqua calda con detergente neutro.
  • Resistente alle alte temperature e al calore secco (in poche parole, quello della pentola calda se la si appoggia sul piano)
  • Ottima resistenza e stabilità all’esposizione della luce (non scolorisce, per intendersi)
  • Idoneo al contatto con gli alimenti… Naturalmente!!
  • Idrorepellente, non assorbe i liquidi.
  • Resistente allo strofinamento

Un materiale che si adatta perfettamente alle nostre esigenze. La cucina è un luogo dove si lavora e un materiale che ci permette di farlo in libertà e senza preoccuparsi di danneggiarlo è veramente un’ottima soluzione.

Ah! dimenticavo.. anche il costo è interessante!

Quindi un materiale veramente spettacolare, una bella rivoluzione! evviva le nanotecnologie.. se poi ci aiutano così!

Date un’occhiata al sito…

 

 

Ma che domande mi fai? … Aiuto! Aiutami a capire…

Ma che domande mi fai?

Non siamo qui per vendere e basta, siamo qui per partecipare e  aiutarvi a realizzare il vostro progetto!

Ecco perché è importante dare le giuste risposte a domande che sembrano semplici ma non lo sono.

“Buongiorno, vorrei un preventivo per una cucina, saranno più o meno 3 metri e 50 cm o 4? … Quanto costa?”

“Buongiorno, eh! quanto costa? Signori, per avere un prezzo è necessario sviluppare un progetto, secondo le vostre necessità ed esigenze e poi sviluppare un preventivo. Avete le misure o la pianta della cucina?”

“le misure saranno all’incirca…”

Riavvolgiamo il nastro, torniamo indietro e cominciamo da capo!

Le cucine e l’arredamento in generale non si vendono al kg! anche se a noi è capitato che ci chiedessero un “prezzo spannometrico” … siamo sempre qui chiederci cosa vuole dire… mah?

Quando entriamo in un negozio di arredamento per chiedere un preventivo siamo subito bombardati da una serie di domande alle quali spesso non sappiamo dare risposte chiare…

Le domande che vi poniamo, non sono per mettervi in difficoltà, ma per capire veramente quello di cui avete bisogno. Capire quali sono le vostre aspettative e le vostre esigenze per andare a progettare quella che sarà la vostra casa.

Il nostro obiettivo è arredare la vostra casa come ve la siete immaginata!

Quindi eccovi la scaletta, con questa sarete preparati a rispondere alle domande che il venditore vi farà, sempre che sia un buon venditore e che sia veramente interessato al vostro progetto di vita e non solo alla vendita nuda e cruda!

Quindi….
  1. avete le misure o la pianta?
  2. l’impianto elettrico/idraulico è già presente?
  3. Avete già pensato ad una disposizione, ne possiamo parlare?
  4. Gli elettrodomestici?
  5. lavello 1 vasca o 2? e come in acciaio? …. e il piano cottura? ecc.
  6. Cappa? Da arredamento o incassata?
  7. Avete già pensato al materiale da utilizzare per le ante della cucina o del piano di lavoro? … Parliamone?

A questo punto potreste già essere nel pallone… ecco il perché della nostra MINI GUIDA ALL’ACQUISTO. Per dare risposte semplici a domande che sembrano scontate MA che non lo sono. Sono domande importanti quando vogliamo creare qualcosa che rispecchi voi, la vostra famiglia, il vostro stile di vita.

Seguite le nostre “Mini- Guide” e saprete sempre cosa rispondere!

 

 

https://www.homify.it/librodelleidee/3008507/test-7-domande-per-scoprire-che-stile-di-arredo-e-adatto-alla-tua-personalita

 

Guida In Cucina – Parte 1. Le Misure e gli Impianti elettrico ed idraulico

Guida In Cucina: Le misure e gli Impianti Elettrico ed Idraulico

L’idea è quella di esservi d’aiuto!

Premessa

Quando acquistiamo casa, il pensiero ed il cuore “volano” direttamente in cucina. Siamo tutti un po’ MasterChef o no?
Lì iniziano i sogni, dopo un po’ la confusione ed infine gli “incubi”.
E poi dove li mettiamo i vari “io farei”, “io metterei” e i “se fosse mia…” di parenti e amici? Che si sa, sono tutti architetti!
Alla fine talmente tanti consigli che la confusione raggiunge livelli stratosferici… Calma!!! Calma!!
Per progettare una cucina ci vuole Calma…. In realtà per progettare tutto l’arredamento ci vuole calma e pazienza, altrimenti sai che arrosti! (e non nel fantastico forno che abbiamo appena acquistato)
Cerchiamo di rendervi le cose un po’ più chiare e di far volare i vostri sogni ma riportandovi ogni tanto con i piedi per terra. “Ragazzi, in un cucina di 3 metri x 2, l’isola centrale attrezzata non ci entra!!!” fatevene una ragione!!

#Prima Regola: Le misure e lo studio dello spazio.

M Come misure, metri, metri quadri e centimetri.

Si sa, la cucina ce la giochiamo sul filo del centimetro. Il trucco di una buona riuscita è tutto lì!

Le misure… Dipende tutto da questo.

Spesso spaziamo con la fantasia ma quello che ci riporta subito alla realtà sono le misure e i mq.
Possiamo aver visto su un giornale una cucina bellissima con piani d’appoggio come se non ci fosse un domani, elettrodomestici in quantità industriale, frigoriferi talmente grandi da far impallidire anche gli americani, piani cottura con 10 fuochi e poi? Le maledette misure ci fregano!
Ma come abbiamo già detto “Calma e sangue freddo” c’è una soluzione ad ogni problema!

  • Per prima cosa serve la pianta o la planimetria della casa o della cucina oppure armarsi di metro e penna e provare a prendere delle misure delle pareti della stanza.
  • Se non avete la pianta cercate di riprodurla alla meglio, l’importante sono le misure non che le righe siano dritte.

Non occorre che siamo precise al millimetro a quello poi ci penserà il progettista o il rivenditore (se sono persone serie).

Mi raccomando!! Non fate fotocopie delle planimetrie ingrandite!! perché altrimenti per rilevare le misure in scala diventa complicato quasi quanto il teorema di Pitagora!

Detto questo, prendete carta, penna e metro e cominciate a misurare.

  1. Misurare le pareti.. e questa era facile!
  2. Porte e Finestre? misuratele e segnatele
  3. Pilastri o colonne? prendete la misura anche di quelli.
  4. Nicchie o rientranze nelle pareti? misurate anche di quelle
  5. Caldaie e radiatori? Idem
  6. Scarico dell’acqua? …. Importantissimo!! Segnatelo!
  7. Fuoriuscita Gas? … anche!

e così via… farete un figurone!

misure-senza-planimetria
Quando non avete la pianta della casa e dovete prendere le misure.
pianta o planimetria della casa con le misure prese da voi!

Ah! possono esserci dei fuori squadra, quelli lasciateli perdere, ci penserà il progettista a prenderseli!

Con queste misure ed indicazioni  è possibile iniziare a progettare e proporre delle soluzioni studiate sulle vostre esigenze e necessità!

Noi lavoriamo così:

  • Progettiamo e disegniamo ricavando le misure dalla pianta o dalle misure che il cliente ci comunica oppure andiamo a casa del cliente facciamo il rilievo e poi facciamo il progetto. 
  • Spesso i clienti ci portano anche delle foto e quello è il top!

#Seconda Regola: Gli Impianti elettrico ed idraulico.

Un’altra cosa da tenere ben presente sono gli impianti elettrico ed idraulico.

Domanda: sono già posizionati, è possibile spostarli oppure se sono da fare? … si, no, forse!

Nel caso non sia possibile intervenire ed è obbligo attenersi a questi, mi raccomando! segnateli e riportate le misure sul vostro “foglio delle misure”

A dire il vero c’è sempre la possibilità di cambiare un po’ le “carte in Tavola” e qualche trucchetto nella manica NOI lo teniamo sempre, ad es. piani più profondi ecc.

Ma queste sono tutte cose che vedremo in seguito!

Se poi avete possibilità di giocare “carta bianca” … e cioè scarichi ed impianti da realizzare o possibilità di spostamenti vari, siete a cavallo!

In questo caso il miglior consiglio (che può sembrare interessato ma vi assicuro che non lo è!!) È rivolgersi a qualcuno COME NOI e iniziare a progettare l’ambiente come più desiderate!

Se avete la possibilità di poter modificare o realizzare realizzare gli impianti ex novo siete avvantaggiati e chi meglio di chi mangia “pane e cucina” può ascoltarvi e consigliarvi?? …

Noi lavoriamo così:

  • Dopo aver trovato la giusta soluzione, forniamo gli schemi degli impianti elettrici ed idraulici da consegnare a muratori, elettricisti ed idraulici per eseguire gli impianti sulle basi della disposizione scelta.

Quindi, lo studio dello spazio per la disposizione della cucina è importante.

Se abbiamo a disposizione degli spazi ridotti oppure un angolo cottura, quando siamo in cucina che sia per una cena veloce o per il pranzo di natale la funzionalità è importante. È facile per una cucina enorme essere funzionale, ma per quelle piccole? Come la mettiamo? Ed è qui che entriamo in campo noi.

Per una buona progettazione è importante conoscere le esigenze del cliente, quello che desidera… in poche parole è importante ascoltare!

E’ solo ascoltandovi che riusciremo a realizzare una cucina su misura per voi, usiamo lo stesso termine della moda… “cucita addosso”.

A proposito, vorremmo fare chiarezza su un punto fondamentale, non vi fate ingannare quando sentite dire “mi hanno realizzato la cucina su misura da un falegname”…. Non lo hanno fatto solo a loro, le cucine sono tutte su misura!

Ciao…. alla prossima!