Ricominciamo dalla Lavanderia!

In primo piano

A-settembre-si-ricomincia-dalla-lavanderia.

A settembre si ricomincia… si, ma dalla lavatrice! Al ritorno dalle ferie lo “spauracchio” dei panni è lì che ci attende 😕 Vediamo come poter organizzare una zona lavanderia piccola, funzionale e … bella da vedere 😍

🔺 Per prima cosa in assoluto prevedere l’allaccio dell’acqua e prese elettriche, senza non si fa niente!

Le attrezzature base.

  • Ovviamente, la lavatrice! Dimensioni standard 60x55x85 (si intende larghezza, profondità e altezza) poi lo sappiamo ci sono varie dimensioni e vari carichi da 6 a 12 kg … piccole, grandi, salva-spazio e chi più ne ha più ne metta.
  • La star della lavanderia se la contende con l’asciugatrice, se c’è.. sempre dimensioni standard 60x55x85.
  • Se possibile un lavatoio, anche piccolo va bene!
  • Pensili, mensole e accessori vari.

Ma passiamo all’azione…

Per una lavanderia “basic” bastano dai 120,00 ai 150,00 cm circa. In questo spazio si può realizzare una lavanderia minimal e super funzionale.

Una mini-lavanderia si può ricavare in un piccolo ripostiglio, in un angolo della casa, in una parte di terrazzo coperto oppure in un corridoio con un angolo cieco che può essere chiuso e schermato con delle ante che possono essere tinteggiate o ancora meglio rivestite con carta da parati 😉 Se si pensa di sfruttare il corridoio perché è abbastanza largo la lavanderia può essere attrezzata in un armadiatura con delle ante scorrevoli.

➡️ Ricordatevi sempre di prevedere l’allaccio per l’acqua e la corrente!

La lavanderia è un mondo e se organizzata bene può essere davvero un valido aiuto. Se poi gli diamo un tocco personale può essere oltre che funzionale anche bella!

la Disposizione degli elementi base è molto semplice!

Lavatrice, asciugatrice (se c’è) e cesto del bucato si posizionano tutti sotto ad un comodo ripiano che servirà da appoggio. Se è possibile inserire un lavatoio avete fatto centro!

Nella parete sopra il ripiano possono trovare posto pensili chiusi per detersivi, strofinacci ecc., delle mensole per avere tutto quello che serve a portata di mano e ganci per appendere. Riusciamo a trovare un posticino al gancio dell’asse da stiro? Siamo al 🔝

🙋🏻‍♀️ Un consiglio: Se la lavanderia è a vista o ad esempio sul terrazzo, io sono per cercare di nascondere il più possibile e quindi utilizzerei dei pensili chiusi. Per me “chiuso” fa ordine! Se invece avete la gran fortuna di avere una zona solo lavanderia può essere molto carino utilizzare delle mensole. Questo lo lascio al vostro gusto e al vostro senso dell’ordine!

❗️Ricordiamoci che lavatrice e asciugatrice possono essere impilate l’una sopra l’altra ed in questo caso abbiamo guadagnato spazio perché con una colonna di circa 60/65 cm riusciamo a creare una zona lavaggio-asciugatura molto pratica!

I materiali da utilizzare per arredi e cioè top, pensili o mensole

Diciamo che in linea di massima tutti i materiali vanno bene! Per il top si può scegliere fra laminato, marmo, quarzite o legno. Io, senza ombra di dubbio, vi consiglio il laminato! E’ pratico, si pulisce bene e ce ne sono veramente di tutti i colori o finiture. L’effetto legno è veramente bello!

E il colore? … Allora se la zona lavanderia è a vista è bene scegliere sia per gli arredi che per le pareti un colore ed una finitura che stiano bene con il resto dell’arredamento per creare una certa armonia, perché anche se è un angolo di servizio non va certo svalutato! Se invece è ricavata in una zona a parte, sbizzarritevi! Potete utilizzare colori più scuri tipo un elegante grigio-verde, un classico bianco oppure un bel colore!

🙋🏻‍♀️ Per tinta alle pareti vale lo stesso discorso, se è a vista vi consiglio di armonizzarla con il resto della casa ma se è separata… osate!

Per quanto mi riguarda, mi piacerebbe allegra e colorata! Potrebbe essere pensata con arredi in tinte neutre e colorata nella tinteggiatura della parete – tinta lavabile, ovviamente! O con delle piastrelle colorate e divertenti… ce ne sono di bellissime! Volendo potete inserire anche la carta da parati – lavanderia minimal ma chic! Sinceramente, io approvo perché sono una vera passionista della carta da parati però indubbiamente è un’alternativa un po’ più costosa!

gli Accessori che non possono mancare nella lavanderia

  • Ceste, contenitori, scatole o cassettiere su ruote per riporre tutto quello che serve per il bucato
  • un’altra cosa importante è lo stendino! Se avete l’asciugatrice o un bel terrazzo magari non vi serve ma un piccolo stendino “di aiuto” soprattutto nei periodi invernali può sempre far comodo, ce ne seno anche da parete… so che i lenzuoli non ci si possono stendere ma i piccoli indumenti si!

🙋🏻‍♀️ un’ultimissima cosa, ma più che altro una curiosità! Oltre alla grandissima voglia di sistemare il bucato da lavare 😛 questo articolo è venuto fuori perchè stavo guardando le lavatrici, vabbè ognuno ha il suo “trip” oggi il mio è questo! Comunque… mentre studiavo con la massima applicazione le varie capacità di carico che possono raggiungere fino a 13 kg, le varie dimensioni in larghezza e il carico frontale o dall’alto, ne ho individuate 2 secondo me fantastiche: una dotata di 2 cestelli che lavano in modo indipendente e contemporaneamente con il cestello superiore di 12 kg e quello inferiore di 2 kg per capi delicati ed un’altra che ha sotto il cestello per la lavatrice di 8 kg e sopra il cestello asciugatrice di 4 kg anche questi simultanei e indipendenti.🔝

Detto questo… speriamo con questo piccolo articolo di esservi state utili o almeno di compagnia con questo piccolo articolo! Se avete bisogno di consigli e suggerimenti NON solo per la lavanderia… contattateci!

Guida in Cucina – Parte 3. Premessa sulla Disposizione della Cucina.

Questa è una piccola premessa prima di parlare delle varie disposizioni della cucina.

Quindi, ancor prima di scegliere ante e top, di decidere il lavello, il piano cottura o se mettere il frigo da libera installazione o da incasso è necessario parlare della disposizione della cucina.

Questa è la parte più importante nella progettazione.

Una volta studiata la disposizione giusta in base alle vostre necessità, bisogni ed anche alle vostre richieste (che cercheremo di accontentare in ogni modo possibile e se non è possibile vi spiegheremo il perché) il resto è una passeggiata… 😉

1️⃣ La prima regola da tenere bene a mente per il progetto di una cucina, grande o piccola che sia, è sempre la stessa e cioè la DIVISIONE in ZONE.‼

  • Zona conservazione: dispensa e frigo
  • Zona lavaggio: lavello e lavastoviglie
  • Zona cottura

Questa regola vale sempre, indipendentemente dalle misure della stanza o dallo spazio che avete intenzione di dedicargli.

La progettazione migliore è sempre quella che asseconda le vostre necessità e della vostra famiglia e che rispetta i principi di ergonomia e funzionalità per poter lavorare in cucina in modo comodo e confortevole.

Detto questo…

le principali disposizioni sono:
  • Dritta o Lineare. La cucina è disposta su una parete lineare.
  • Ad Angolo o a L. La cucina è disposta su due pareti perpendicolari.
  • A U. La cucina è disposta su tre pareti che formano una U.
  • A Corridoio.  La cucina è disposta su due pareti parallele.
  • Con Isola. La cucina ha un blocco centrale libero su quattro lati.
  • Con Penisola. La cucina ha un blocco penisola libero su tre lati.

Queste sono le disposizioni che si possono realizzare in cucina e come ben sappiamo tutto è giocato sullo spazio e sull’ambiente.

La cucina deve essere comoda e quindi occorre posizionare in maniera giusta gli elettrodomestici e le “stazioni di lavoro” in modo da creare un triangolo di lavoro ottimale! 😉

Con la breve premessa abbiamo finito… nel prossimo articolo parleremo della cucina Lineare o Dritta.

Vi aspettiamo!

Nora e Silvana

Intanto per rinfrescarsi un po’ la memoria… ⬇

Guida in Cucina – Parte 2. Funzionalità ed Ergonomia

Guida in Cucina – Parte 2. Funzionalità ed Ergonomia

Funzionalità & Ergonomia… in poche parole!

La cucina, lo abbiamo detto 1000 e più volte, è il cuore e l’anima della casa ed è il luogo dove passiamo la maggior parte del tempo, dove ci riuniamo con la famiglia e gli amici..

Tutto vero! Ma è vero anche che la cucina è il luogo dove si lavora! 

Per questo ci sono delle regole da rispettare perché l’uso sia comodo e confortevole.

Per funzionalità intendiamo la comodità al momento dell’uso.
La funzionalità va a braccetto con l’ergonomia.

“Ergonomia: scienza che si occupa di analizzare il corpo umano in relazione agli oggetti che utilizza e gli ambienti dove vive e lavora al fine di ottimizzare i movimenti ed evitare posture innaturali per la persona.”Definizione da vocabolario o quasi…

In parole più semplici, una cucina deve essere progettata in modo da potersi muovere e lavorare liberamente.

Occorre una buona disposizione degli spazi e delle varie zone per evitare di fare i “chilometri” perché in cucina si fanno!

Riflettete un attimo su quante volte vi spostate dal punto dove state preparando il pasto per andare al frigo, alla dispensa, al forno o al piano cottura… saranno anche pochi passi ma ripetuti infinite volte qua e là, su e giù

📌 La prima regola: Divisione delle zone di Lavoro e ossia cercare di avvicinare o unire le zone operative. Per un buon uso dovrebbero essere organizzate in base alle operazioni che vi si svolgono e quindi:

  • Zona Conservazione: Dispensa e Frigo
  • Zona Lavaggio: Lavello e Lavastoviglie
  • Zona Cottura

L’ideale sarebbe avere piani di appoggio fra le varie zone!

Ma non è finita qui, ci sono altre regole e accorgimenti da considerare al momento della progettazione.

Spieghiamoci meglio

📌 Altezza del piano di lavoro

Importante! per poter lavorare mantenendo una posizione comoda non deve essere né troppo alta né troppo bassa. L’altezza delle cucine solitamente è standard ed è circa 90,00 cm da terra al piano di lavoro. Abbiamo tutti altezza di verse ma questa è la più congeniale per ognuno di noi.

L’altezza della base di una cucina varia da 72,00 a 75,00 cm circa, lo zoccolo ha un’altezza che varia da 10,00/12,00/15,00 cm, aggiungendo lo spessore del top… la misura è fatta!

Si! ci sono anche cucine che hanno lo zoccolo più basso di 10,00 cm ma in questo caso l’altezza della base è più alta e così torniamo ai circa 90,00 cm che dicevamo prima.

📌 Profondità del piano di lavoro.

In genere il piano di lavoro è prof. 60,00 cm circa, se riusciamo ad averlo più profondo ancora meglio! Comunque i 60,00 cm sono quelli necessari per l’incasso del lavello e del piano cottura, altrimenti non entrerebbero per profondità.

Un’altro motivo è che con un piano di lavoro poco profondo ci troveremo a lavorare con il volto troppo vicino ai pensili o alla cappa e questo non è corretto, si corre il rischio di sbattere la testa nei pensili.

📌 Posizione dei pensili e apertura delle ante.

Solitamente la misura fra piano di lavoro e pensile è circa 50,00/55,00 cm. Ma si possono posizionare in base alle esigenze di chi li usa, è importante che ci sia un buon accesso al primo ripiano per un utilizzo agevole.

L’altezza dei pensili è vincolata alla cappa di aspirazione nel caso questa si incassata nel pensile. In questo caso deve essere posizionata ad un’altezza che non sia inferiore a 50,00 cm per le normative di sicurezza.

Per quanto riguarda le aperture delle ante, l’ideale sarebbe tenerle aperte durante la preparazione dei cibi e possono essere di varie tipologie:

  • Ante Battenti sono le più comuni e vengono utilizzate soprattutto in caso di pensili alti. Possono essere un po’ scomode perché da aperte “intralciano il traffico” e sono “un apri e chiudi continuo”.
  • Vasistas o ribalta sono molto comode perché possono rimanere aperte senza intralciare i movimenti e sono sempre accessibili.
  • Scorrevole non ingombrano il campo però una parte del pensile rimane sempre nascosta da un’anta, come accade per le ante dell’armadio scorrevole!

📌 Zoccoli e piedini.

Gli zoccoli e i piedini sono arretrati rispetto alla base per avere la possibilità di avvicinarsi e lavorare comodamente. Quello scalino è il “posto per i piedi”.

📌 Attrezzatura interna delle basi.

Qui ci vuole e ci sarà un capitolo a parte!

L’attrezzatura interna delle basi sono tutti gli accessori che ci agevolano e ci facilitano l’uso della cucina e ce ne sono una marea… veramente tanti da rendere una cucina funzionale e bella da vivere ed usare, ma ne parleremo in maniera approfondita in un altro articolo.

Per adesso accenniamo brevemente alla differenza fra basi con le ante e basi con cassetti e cestelli. Per dirlo in due parole, le basi con il ripiano intermedio sono più scomode perché per prendere gli oggetti occorre chinarsi e la visuale è ridotta perché alcune cose vengono stipate dietro ad altre. Con i cassetti e cestelli tutto è più comodo e a portata di mano, la visuale dall’alto è più ampia e non occorre chinarsi. Detto proprio in parole “povere”!

📌 Basi o Colonne ad angolo.

Croce e delizia. Delizia perché sono comode e ci offrono la possibilità di sfruttare spazi che altrimenti sarebbero inutilizzati. Croce perché se non adeguatamente attrezzate si sfruttano male e gli oggetti dentro riposti cadono nel dimenticatoio.

Dove c’è la possibilità, perché non sempre è possibile, è bene inserire cestelli girevoli, carrelli estraibili, le mans e magic corner che sono tutta una serie di fantastici accessori che ci permettono di prendere comodamente quello che abbiamo stipato nel mobile senza far capriole o immersioni con la pila sulla testa per vedere cosa c’è dentro.

Con queste attrezzature anche la base angolo diventa sfruttabile come le altre e molto funzionale.

📌 Colonne.

Le colonne in cucina sono comode perché ci permettono di contenere e tenere in ordine la dispensa alimentare, pentolate e tutto quello che occorre. Meglio ancora se dotate di attrezzatura interna che ne rendono agevole l’utilizzo come i carrelli estraibili che ti danno la visuale completa e un facile accesso a tutto quello che abbiamo dentro.

La colonna forno, chi non la desidera?

Il forno alto è ergonomico e molto comodo perché permette l’uso senza doversi chinare e poi non è alla portata dei bambini. L’altezza corretta è più o meno quella del piano di lavoro per avere una visuale comoda e un comodo uso.

Questi sono gli accorgimenti di base per far si che la vostra cucina sia funzionale ed ergonomica! Naturalmente ci sono molti aspetti da valutare ma ne parleremo nel prossimo articolo!

Speriamo di esservi state un po’ di aiuto… Noi come sempre, vi aspettiamo in negozio!

A presto, Nora e Silvana

➡️ Prossimo articolo: Guida in Cucina – Parte 3. Disposizione. La cucina Dritta.

Articolo precedente ⬇️⬇️

Guida in Cucina – Parte 1. Le Misure e gli Impianti elettrico ed idraulico

 

 

 

Elettrodomestici, ma le dimensioni contano?

Elettrodomestici “salva-spazio”

Quando cerchiamo di sfruttare lo spazio al meglio, gli elettrodomestici possono essere d’aiuto?

Anche le “mini-cucine” devono essere funzionali e ben organizzate. Non possiamo rinunciare allo spazio per la conservazione degli alimenti o alla sistemazione di pentole e piatti. Allora? … Cerchiamo di trovare un compromesso con gli elettrodomestici!

Un grosso aiuto ce lo da il Lavello. Sparite le 2 vasche, scomparso il gocciolatoio ed ecco la mono-vasca che se ne sta bella tranquilla in una base da 60 e volendo anche da 45!

Con il piano cottura siamo più sentimentali. Abbandonare il 5 fuochi è sempre difficile, già il 4 fuochi ci va un po’ stretto figuriamoci il 3 fuochi o il domino con 2… dura, ma dura… in fondo siamo tutti MasterChef!

Qualcuno si converte alla lavastoviglie L. 45 cm, ma è sempre poco apprezzata perché piccola, 8/10 coperti. Quelle di nuova generazione hanno cestelli abbattibili e rimovibili a seconda delle necessità. Ma come tutte le cose piccole e preziose sono un po’… costose!

E il forno?

Si! anche il forno.

Il forno “standard” è L. 60 h. 60 con capacità di 65 lt circa, ci sono anche i forni big capacy, ma quella è un altra storia. Stiamo studiando lo spazio al cm!

Il forno compatto può essere una valida soluzione L. 60 ma h. 45 (47 lt circa) possiamo inserirlo in colonna o in una base e avere più spazio per riporre o conservare.

Ma il forno può farsi ancora più piccolo… L. 60 h. 36 capacità 31 lt circa, questo è sempre largo 60 cm ma praticamente prende il posto di un cestello o lascia grande spazio in una colonna o mezza colonna. E poi c’è il forno L 45 cm h. 60 (43 lt circa) questo può essere sistemato in una colonna o in una base da 45 cm.

In questi casi il problema è un po’ come per la lavastoviglie, la capacità interna e questo ci riporta a quello che diciamo sempre “la cucina, come l’arredamento vanno progettate in base alle esigenze del cliente”

“La casa è come un abito, deve essere della taglia giusta”