Il cambio degli armadi… Questione di sopravvivenza!

 1.2.3. e il cambio degli armadi è fatto!

Ok!! L’obiettivo è quello di avere la cabina armadio di Carrie di “sex and the City” e soprattutto i vestiti e la taglia di Carrie! ma nel frattempo occupiamoci di fare il cambio degli armadi!😬

Un applauso a chi l’ha già fatto! Brave!!!  … anche se il freddo di questi giorni un po’ ci ha fatto pentire.

A chi come noi è sempre in ritardo e lo vede come un incubo cerchiamo di dare un paio o tre di consigli per farlo in maniera veloce e soprattutto indolore…

Sopravvivere al #cambioguardaroba si può!😜

No! non chiedetelo, non lo faremo per voi e quindi seguiteci…

😉 Pronti? …. Via…

Prima di tutto… tempo libero e zero impegni, la faccenda qui è abbastanza impegnativa!

Poi, l’occorrente: scatole, Sacchi trasparenti, bustine anti-tarme, pennarello e prodotti per pulizia.

Ovvia… Partiamo:
  • 1. Svuotare l’armadio e dividere i vestititi: da lavare, quelli già pronti per essere riposti, quelli da portare in lavanderia e quelli da scartare senza pietà!… se non li indossate da almeno 2 anni buttateli o riciclateli.

Raccogliete quelli che hanno superato la prova e impilateli per tipologia.

  • 2. Pulire l’armadio! Una bella pulita e spolverata male non fa! La maledetta polvere entra in ogni dove. Mi raccomando usate prodotti non aggressivi!
  • 3. Riporre! Alcuni capi conviene dividerli e riporli per tipologia… maglie con maglie, calzini e calze tutti insieme e così via!

Dopo di chè piegare e riporre.

E il pennarello? ah già.. per classificare le scatole, sennò chi se lo ricorda cosa c’è dentro! 😬

Quindi 3 consigli pratici per fare il cambio guardaroba in modo semplice e veloce… speriamo di esservi state utili!

Ciao! Nora e Silvana!!

 

 

 

 

 

 

 

Top in Fenix… Wow!! Libertà in cucina

Top in Fenix… un materiale intelligente!

Ieri abbiamo montato un bellissimo top in Fenix e questo materiale relativamente giovane è davvero un materiale intelligente e furbo!!

In questo caso l’abbiamo usato per un top in cucina ma può avere altri usi come  le antine per la cucina, lavelli, tavoli, mobili da bagno ecc.

E’ veramente molto bello perché è super-opaco alla vista e “setoso” al tatto e ha delle caratteristiche fantastiche, che vale la pena elencare:

  • Anti impronta – non rimangono le impronte delle mani sulla superficie.
  • Opaco – anzi super-opaco
  • Resistente ai graffi e alle abrasioni – i graffi superficiali possono essere tolti con la spugnetta “magica” in dotazione.
  • Micro- graffi possono essere tolti con il calore di un ferro da stiro!
  • Igienico – la superficie opaca non attira la polvere ed ha proprietà antibatteriche. Ed è anche anti muffa! … ma cosa volete di più!
  • Facile da pulire – basta un panno morbido ed acqua calda con detergente neutro.
  • Resistente alle alte temperature e al calore secco (in poche parole, quello della pentola calda se la si appoggia sul piano)
  • Ottima resistenza e stabilità all’esposizione della luce (non scolorisce, per intendersi)
  • Idoneo al contatto con gli alimenti… Naturalmente!!
  • Idrorepellente, non assorbe i liquidi.
  • Resistente allo strofinamento

Un materiale che si adatta perfettamente alle nostre esigenze. La cucina è un luogo dove si lavora e un materiale che ci permette di farlo in libertà e senza preoccuparsi di danneggiarlo è veramente un’ottima soluzione.

Ah! dimenticavo.. anche il costo è interessante!

Quindi un materiale veramente spettacolare, una bella rivoluzione! evviva le nanotecnologie.. se poi ci aiutano così!

Date un’occhiata al sito…

 

 

Ma che domande mi fai? … Aiuto! Aiutami a capire…

Ma che domande mi fai?

Non siamo qui per vendere e basta, siamo qui per partecipare e  aiutarvi a realizzare il vostro progetto!

Ecco perché è importante dare le giuste risposte a domande che sembrano semplici ma non lo sono.

“Buongiorno, vorrei un preventivo per una cucina, saranno più o meno 3 metri e 50 cm o 4? … Quanto costa?”

“Buongiorno, eh! quanto costa? Signori, per avere un prezzo è necessario sviluppare un progetto, secondo le vostre necessità ed esigenze e poi sviluppare un preventivo. Avete le misure o la pianta della cucina?”

“le misure saranno all’incirca…”

Riavvolgiamo il nastro, torniamo indietro e cominciamo da capo!

Le cucine e l’arredamento in generale non si vendono al kg! anche se a noi è capitato che ci chiedessero un “prezzo spannometrico” … siamo sempre qui chiederci cosa vuole dire… mah?

Quando entriamo in un negozio di arredamento per chiedere un preventivo siamo subito bombardati da una serie di domande alle quali spesso non sappiamo dare risposte chiare…

Le domande che vi poniamo, non sono per mettervi in difficoltà, ma per capire veramente quello di cui avete bisogno. Capire quali sono le vostre aspettative e le vostre esigenze per andare a progettare quella che sarà la vostra casa.

Il nostro obiettivo è arredare la vostra casa come ve la siete immaginata!

Quindi eccovi la scaletta, con questa sarete preparati a rispondere alle domande che il venditore vi farà, sempre che sia un buon venditore e che sia veramente interessato al vostro progetto di vita e non solo alla vendita nuda e cruda!

Quindi….
  1. avete le misure o la pianta?
  2. l’impianto elettrico/idraulico è già presente?
  3. Avete già pensato ad una disposizione, ne possiamo parlare?
  4. Gli elettrodomestici?
  5. lavello 1 vasca o 2? e come in acciaio? …. e il piano cottura? ecc.
  6. Cappa? Da arredamento o incassata?
  7. Avete già pensato al materiale da utilizzare per le ante della cucina o del piano di lavoro? … Parliamone?

A questo punto potreste già essere nel pallone… ecco il perché della nostra MINI GUIDA ALL’ACQUISTO. Per dare risposte semplici a domande che sembrano scontate MA che non lo sono. Sono domande importanti quando vogliamo creare qualcosa che rispecchi voi, la vostra famiglia, il vostro stile di vita.

Seguite le nostre “Mini- Guide” e saprete sempre cosa rispondere!

 

 

https://www.homify.it/librodelleidee/3008507/test-7-domande-per-scoprire-che-stile-di-arredo-e-adatto-alla-tua-personalita

 

Guida In Cucina – Parte 1. Le Misure e gli Impianti elettrico ed idraulico

Guida In Cucina: Le misure e gli Impianti Elettrico ed Idraulico

L’idea è quella di esservi d’aiuto!

Premessa

Quando acquistiamo casa, il pensiero ed il cuore “volano” direttamente in cucina. Siamo tutti un po’ MasterChef o no?
Lì iniziano i sogni, dopo un po’ la confusione ed infine gli “incubi”.
E poi dove li mettiamo i vari “io farei”, “io metterei” e i “se fosse mia…” di parenti e amici? Che si sa, sono tutti architetti!
Alla fine talmente tanti consigli che la confusione raggiunge livelli stratosferici… Calma!!! Calma!!
Per progettare una cucina ci vuole Calma…. In realtà per progettare tutto l’arredamento ci vuole calma e pazienza, altrimenti sai che arrosti! (e non nel fantastico forno che abbiamo appena acquistato)
Cerchiamo di rendervi le cose un po’ più chiare e di far volare i vostri sogni ma riportandovi ogni tanto con i piedi per terra. “Ragazzi, in un cucina di 3 metri x 2, l’isola centrale attrezzata non ci entra!!!” fatevene una ragione!!

#Prima Regola: Le misure e lo studio dello spazio.

M Come misure, metri, metri quadri e centimetri.

Si sa, la cucina ce la giochiamo sul filo del centimetro. Il trucco di una buona riuscita è tutto lì!

Le misure… Dipende tutto da questo.

Spesso spaziamo con la fantasia ma quello che ci riporta subito alla realtà sono le misure e i mq.
Possiamo aver visto su un giornale una cucina bellissima con piani d’appoggio come se non ci fosse un domani, elettrodomestici in quantità industriale, frigoriferi talmente grandi da far impallidire anche gli americani, piani cottura con 10 fuochi e poi? Le maledette misure ci fregano!
Ma come abbiamo già detto “Calma e sangue freddo” c’è una soluzione ad ogni problema!

  • Per prima cosa serve la pianta o la planimetria della casa o della cucina oppure armarsi di metro e penna e provare a prendere delle misure delle pareti della stanza.
  • Se non avete la pianta cercate di riprodurla alla meglio, l’importante sono le misure non che le righe siano dritte.

Non occorre che siamo precise al millimetro a quello poi ci penserà il progettista o il rivenditore (se sono persone serie).

Mi raccomando!! Non fate fotocopie delle planimetrie ingrandite!! perché altrimenti per rilevare le misure in scala diventa complicato quasi quanto il teorema di Pitagora!

Detto questo, prendete carta, penna e metro e cominciate a misurare.

  1. Misurare le pareti.. e questa era facile!
  2. Porte e Finestre? misuratele e segnatele
  3. Pilastri o colonne? prendete la misura anche di quelli.
  4. Nicchie o rientranze nelle pareti? misurate anche di quelle
  5. Caldaie e radiatori? Idem
  6. Scarico dell’acqua? …. Importantissimo!! Segnatelo!
  7. Fuoriuscita Gas? … anche!

e così via… farete un figurone!

misure-senza-planimetria
Quando non avete la pianta della casa e dovete prendere le misure.
pianta o planimetria della casa con le misure prese da voi!

Ah! possono esserci dei fuori squadra, quelli lasciateli perdere, ci penserà il progettista a prenderseli!

Con queste misure ed indicazioni  è possibile iniziare a progettare e proporre delle soluzioni studiate sulle vostre esigenze e necessità!

Noi lavoriamo così:

  • Progettiamo e disegniamo ricavando le misure dalla pianta o dalle misure che il cliente ci comunica oppure andiamo a casa del cliente facciamo il rilievo e poi facciamo il progetto. 
  • Spesso i clienti ci portano anche delle foto e quello è il top!

#Seconda Regola: Gli Impianti elettrico ed idraulico.

Un’altra cosa da tenere ben presente sono gli impianti elettrico ed idraulico.

Domanda: sono già posizionati, è possibile spostarli oppure se sono da fare? … si, no, forse!

Nel caso non sia possibile intervenire ed è obbligo attenersi a questi, mi raccomando! segnateli e riportate le misure sul vostro “foglio delle misure”

A dire il vero c’è sempre la possibilità di cambiare un po’ le “carte in Tavola” e qualche trucchetto nella manica NOI lo teniamo sempre, ad es. piani più profondi ecc.

Ma queste sono tutte cose che vedremo in seguito!

Se poi avete possibilità di giocare “carta bianca” … e cioè scarichi ed impianti da realizzare o possibilità di spostamenti vari, siete a cavallo!

In questo caso il miglior consiglio (che può sembrare interessato ma vi assicuro che non lo è!!) È rivolgersi a qualcuno COME NOI e iniziare a progettare l’ambiente come più desiderate!

Se avete la possibilità di poter modificare o realizzare realizzare gli impianti ex novo siete avvantaggiati e chi meglio di chi mangia “pane e cucina” può ascoltarvi e consigliarvi?? …

Noi lavoriamo così:

  • Dopo aver trovato la giusta soluzione, forniamo gli schemi degli impianti elettrici ed idraulici da consegnare a muratori, elettricisti ed idraulici per eseguire gli impianti sulle basi della disposizione scelta.

Quindi, lo studio dello spazio per la disposizione della cucina è importante.

Se abbiamo a disposizione degli spazi ridotti oppure un angolo cottura, quando siamo in cucina che sia per una cena veloce o per il pranzo di natale la funzionalità è importante. È facile per una cucina enorme essere funzionale, ma per quelle piccole? Come la mettiamo? Ed è qui che entriamo in campo noi.

Per una buona progettazione è importante conoscere le esigenze del cliente, quello che desidera… in poche parole è importante ascoltare!

E’ solo ascoltandovi che riusciremo a realizzare una cucina su misura per voi, usiamo lo stesso termine della moda… “cucita addosso”.

A proposito, vorremmo fare chiarezza su un punto fondamentale, non vi fate ingannare quando sentite dire “mi hanno realizzato la cucina su misura da un falegname”…. Non lo hanno fatto solo a loro, le cucine sono tutte su misura!

Ciao…. alla prossima!

 

Il Salone del Mobile e il Nostro alloggio a Milano #nontitemo

Milano #nontitemo Breve aggiornamento sul nostro alloggio!

Breve informazione di servizio a chi ci conosce e in questi anni ha riso con noi delle nostre disavventure…

Dopo:

  • Il residence dei “Ghiacci”… un freddo incredibile, Frozen al confronto una passeggiata.😣
  • La notte con gli “Ospiti” … stendiamo un velo pietoso, una notte da incubo.😳
  • L’albergo che non vedeva la luce e tanto meno il personale delle pulizie.
  • Il Garage… garage nel vero senso della parola!😮

Quest’anno è andata bene!

Grazie a tutti per i messaggi che ci avete mandato.. ma questa volta l’appartamento era molto carino e comodo.

Salone del Mobile 2017

La maratona Salone del Mobile è sempre bella e ne vale sempre la pena. Piedi doloranti a parte!

Le nostre impressioni sono positive e le riassumiamo così:

Legno e Colore!

Legno, legno, legno…

Diciamo che novità assolute non ce ne sono, nessuno per adesso ha inventato nulla di nuovo, ma quest’anno più che mai abbiamo avvertito il bisogno di un ritorno alla natura.

Sparito il lucido, adios… e Legno, legno, legno!

I legni in tutte le sue essenze, legni chiari o legni scuri l’importante è che sia legno o effetto legno nel caso di mobili in laminato. Da dire che ci sono dei laminati che riproducono il legno e che ti mettono a dura prova da quanto sono perfetti.

Quindi che legno sia! Siamo nel bene o nel male (in questo caso nel bene) influenzati da quello che ci circonda ed in questo momento c’è un forte avvicinamento al tutto ciò che è biologico e naturale. Siamo sempre alla ricerca di prodotti a km-zero, ci sforziamo sempre di “magiare sano”, passare più tempo possibile nella “natura”…  Volevi che tutto questo non influenzasse anche il design? Impossibile!

La casa è il luogo dove rifugiarsi ed è il luogo che rispecchia tutte le personalità che la abitano, bella sfida mettere insieme più teste per condividere un unico luogo. Sarà per questo che il segno di questo Salone è stato uno STOP alle case tutte uguali e con gli stessi arredamenti… in una parola PERSONALITÀ!

Colore, colore, colore!

Più forte e prepotente che mai è stata la presenza del colore e finalmente, diciamo noi!

Basta con le case completamente bianche, basta con la paura di sbagliare!

Il Bianco è un bellissimo colore spesso usato per giustificare un bisogno di  “pulizia e semplicità” ma nasconde anche un: “nell’incertezza, facciamolo bianco!” OK! ma buttatevi, buttiamoci!

Tranquilli, il bianco è un classico e ci sarà sempre ma il “nuovo bianco” sono i colori morbidi, caldi e accoglienti.

Il colore e le sue sfumature che non restano sfumature ma diventano colore vero e proprio, non restano al margine non fanno da contorno ma si impongono.

Il colore si impone nelle laccature dei mobili, nei tessuti, nei rivestimenti.

Molto belle le tonalità dei blu, dall’avio al petrolio e così via… fino ad arrivare al verde nella gradazione del salvia o dell’oliva.

I rossi decisi nelle tonalità più scure del bordeaux e dell’amaranto che si impongono e ci avvolgono.

Il colore ocra nella sua tonalità carica, che rende l’ambiente caldo e accogliente.

Grande ritorno dell’arancio ma non nelle gradazioni brillanti del carota, dell’arancione o della zucca ma nelle gradazioni più scure ed eleganti del ruggine, del mattone o dell’arancione bruciato.

Colori caldi e freddi che si sposano perfettamente con le gradazioni e le essenze dei legni.

Questo è in breve quello che ha trasmesso a noi il Salone, voi fateci sapere la vostra!

Ciao, Nora e Silvana